DeltArte - Il Delta della creatività

 

DeltArte – il Delta della Creatività nasce nel 2012 da un’idea di Melania Ruggini: inizialmente sostenuto dal bando CulturalMente indetto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, diventa nel 2013 uno dei progetti più importanti sostenuti dalla nostra associazione che ne diventa capofila, restando sempre il ruolo chiave di Melania Ruggini nell'ideazione e nella cura della selezione degli artisti. Dal 2012 ad oggi questo festival di arte contemporanea (inizialmente under 35), ha iniziato a scrivere una delle pagine più stimolanti del racconto contemporaneo per mezzo della creatività giovanile, nelle sue molteplici forme. Il palcoscenico di questa nuova creatività è il Delta del Po della Provincia di Rovigo, che si candida per diventare un museo diffuso a cielo aperto grazie alle sue particolari caratteristiche. Nei luoghi che fanno da scenario alle opere, si riscontrano le peculiarità specifiche di questo tipo di museo: la variabilità dei confini, la pluralità territoriale degli itinerari, il rapporto simbiotico tra la comunità e la proprie radici, la ricchezza del patrimonio storico. Secondo questa linea di pensiero, l’arte contemporanea può essere veicolata nelle strade, nelle piazze, nel paesaggio, nelle scuole, inserendosi in un territorio dai confini mobili, secondo un preciso scopo: indurre lo spettatore a confrontarsi con due caratteristiche fondamentali e atemporali della società, ossia l'arte e l’ambiente.

DeltArte è un esperimento creativo di rigenerazione culturale che, fin  dalla prima edizione, assume il carattere della manifestazione itinerante d’arte contemporanea, basata sulla fluidità del dialogo aperto e in continuo divenire tra creatività e ambiente di riferimento. Edizione dopo edizione si è affermato come un evento capace di mostrare un nuovo volto del territorio del Delta del Po, svelando le vitali potenzialità del connubio arte e natura, sempre più necessario. L’arte aiuta a riflettere, a guardarsi da fuori, a cambiare punto di vista e prospettiva: è una forza dirompente, che attraversa i sensi e sempre ti cambia. 

Ogni anno gli artisti sono sollecitati da una tematica comune, con l’intento di allinearli allo studio del territorio di riferimento, secondo diverse angolature. I loro sopralluoghi nel Delta del Po, il confronto con la popolazione, le residenze, sono strumenti di indagine e approfondimento cruciali, volti a indirizzare il singolo intervento artistico su quei territori che più di altri dovrebbero essere valorizzati e che, con le loro caratteristiche isolate e determinate, sono particolarmente adatti a promuovere certi valori, come la valorizzazione e la salvaguardia di un ambiente unico al mondo, la coesione sociale, la cultura, il confronto con la storia, la divulgazione culturale, l’associazionismo, il senso di appartenenza.

 

Edizione 2020

 

 

Arrivato alla sua ottava edizione, il festival itinerante dedicato all’arte urbana, a cura di Melania Ruggini, prende il via ufficialmente il 4 luglio 2020 da Rosolina per poi toccare 7 successive tappe ossia Loreo, Porto Tolle, Villadose,  Gavello, Taglio di Po, Lendinara, Codigoro.
La street art è il fiore all’occhiello di DeltArte e sta trasformando da 8 anni il Delta del Po e più in generale il Polesine in un vero e proprio museo diffuso, tramite la rigenerazione urbana che la street art porta con sé. Anche quest’anno spazio ai bambini e ai ragazzi del territorio, grazie al format “Artisti per un giorno”, che consiste in una serie di workshop e laboratori didattici condotti dalle stelle della street art nelle scuole e nei centri di aggregazione giovanili.
Ospite d’onore del festival, l’artista di fama internazionale Alice Pasquini, la prima donna in Italia ad aver portato la street art un po’ in tutto il mondo.

 

2019 Save the Planet

 

 

È arrivato al settimo anno di attività il festival itinerante DeltArte – il Delta della creatività. Anche quest’anno le coloratissime opere di street art hanno invaso i comuni di Corbola, Lendinara, Loreo, Rosolina, Taglio di Po e Codigoro.
La tematica di quest’anno è di stringente attualità: la salvaguardia dell’ambiente e il rispetto di madre terra.
Lo slogan del festival “Save the planet” è stato un invito alla popolazione per una decisa presa di posizione nei confronti dell’ambiente.
Gli street artist invitati, Alessandra Carloni, Alessio Bolognesi, Carolì, Centocanesio, Jessica Ferro, Zentequerente si sono confrontati con una problematica mondiale declinata al territorio di riferimento. Un territorio delicato, quello del Delta del Po, da sempre in continua evoluzione.

 

2018

 

 

Per quanto riguarda l’arte contemporanea, anche quest’anno la street art si conferma la soluzione vincente proposta dalla curatrice Melania Ruggini per trasmettere importanti messaggi sui diritti umani alle scuole e alle comunità locali e per la rigenerazione urbana delle periferie. Dal frutto di alcuni laboratori didattici dal titolo “Arte per i diritti umani” stanno prendendo vita numerose opere urbane, nate dal coinvolgimento degli artisti di DeltArte e degli studenti delle scuole medie e superiori delle province di Padova e Rovigo, che si sentono artisti per un giorno, concorrendo alla realizzazione delle opere. Nel Delta del Po, e ora anche nelle province di Padova e Ferrara, sta dunque prendendo forma un vero e proprio museo diffuso dove poter scoprire le opere pubbliche di Tellas, Dem, Lucamaleonte, Hitnes, Melinda Sefcic e tanti, tanti altri. Tra gli street artist di quest’anno si segnalano Riccardo Buonafede, Gianluigi Zeni, Centocanesio, Marco Mei e Zentequerente.

 

2017

 

 

Da aprile a settembre il territorio del Polesine, diventa il palcoscenico del nuovo evento culturale “Arte per la Libertà”. Quale significativa evoluzione dei vent’anni di esperienza maturata nell’organizzazione dei festival “Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty” e di “DeltArte - il Delta della creatività”, il festival è un intenso viaggio nell’arte giovanile a favore dei diritti umani. Nello specifico dell’arte contemporanea e quindi di Deltarte questi gli appuntamenti più significativi, realizzati, in particolar modo quest’anno con il coinvolgimento delle scuole del territorio: a Taglio di Po l’inaugurazione dell’opera di street art di Centocanesio e al museo della bonifica di Ca’ Vendramin l’installazione site specific di Martina Merlini; a Porto Viro l’inaugurazione del murales di Bonandini e Fregnan; a Villadose l’inaugurazione dell’opera street art di Zentequerente; a Rosolina Mare la presentazione della video installazione di Nicola Berti; a Corbola  il Workshop di architettura, autocostruzione e fotografia canPO #03.

 

Edizione 2016 - Creatività Collettiva

 

 


Seguendo la filosofia e il lavoro iniziato negli anni scorsi, la IV edizione propone una nuova tematica su cui gli artisti sono invitati a misurarsi: la creatività collettiva. Ovvero: perchè tutti noi non possiamo contribuire alla creazione artistica? All'interno del meraviglioso scenario del Delta del Po, sono stati scelti quei contesti che meglio si prestano a fare da cornice e ad esaltare le opere, proprio per le loro unicità paesaggistiche. Gli artisti coinvolti avranno un palcoscenico unico nel quale esprimere la loro creatività come strumento di un'azione culturale collettiva, nella quale la comunità locale e le giovani generazioni del territorio sono coinvolte nel dialogo tra arte e territorio.  

Murales, graffiti, street art: variazioni di un genere specifico, nato come fenomeno clandestino e diventato forma artistica riconosciuta persino da musei e gallerie internazionali. Interpretare un luogo, una situazione: così la street art può diventare per DeltArte un veicolo fondamentale di comunicazione, capace di coinvolgere i sensi e suscitare emozioni, mantenendo la propria natura di creazione in bilico tra permanenza e provvisorietà. Anche quest’anno ci saranno street artist di fama internazionale, come Tellas, noto ormai in tutto il mondo per le sue creazioni, che realizzerà un'opera monumentale di rigenerazione urbana nel comune di Loreo.

Nel programma dell'edizione 2016, anche tante occasioni di confronto tra artisti e ragazzi delle scuole che hanno avuto l'occasione di vivere l'esperienza di essere artisti per un giorno, lavorando insieme in laboratori artisti per la creazione di un'opera d'arte collettiva attraverso materiali di recupero.

 

Edizione 2015 - Identità Riemerse

Uno dei principali obiettivi della terza edizione è lo scambio di conoscenze e memorie tra gli abitanti del Delta, in particolare tra gli anziani e i giovani, attraverso la realizzazione di laboratori, incontri e opere d’arte di vario genere, quali momenti di confronto e relazione tra le diverse generazioni. A questo dato si aggiunge la valorizzazione di un passato sovente non riscontrabile negli archivi o nei testi storici, ma che si scopre esclusivamente attraverso l’ascolto dei racconti e delle persone anziane. Ogni storia è preziosa e importante; compito degli artisti selezionati è raccogliere queste vicende e collegarle al presente e alla contemporaneità. Il lento scorrere del tempo che caratterizzava il vivere quotidiano in un’epoca vicina ma allo steso modo lontana, permettevano un continuo ed efficace esercizio della memoria, tale che il presente fosse intriso di passato e il passaggio da una generazione a quella successiva avvenisse gradualmente e in modo naturale, rispettando un prezioso patrimonio di esperienze che spesso diventavano un substrato morale. Con l’avvento della globalizzazione e i suoi ritmi frenetici, le testimonianze antropologiche vanno via via scomparendo, dissipate da ansie diverse, inghiottite dai modi voraci con cui si affronta la quotidianità. E di tutta la civiltà del Delta resta una traccia esigua e incerta, perdendone in parte il senso e l’utile insegnamento. A questo vuoto gli artisti di DeltArte sono chiamati a rispondere, mediante un lavoro di ricostruzione sociale e storica, per ricucire la trama del grande racconto che il Delta narra con le sue testimonianze dirette ed indirette.

Hanno partecipato all'edizione 2015:  Lucamaleonte, uno dei migliori street artist attualmente presenti sulla scena nazionale, famoso anche negli USA e in Europa; Joseph Gerard Sabatino in seguito al riscontro di numerose analogie tra i luoghi abitati dall’artista e quelli del Delta del Po; Melinda Sefcic, giovane promessa della pittura croata; e poi Caterina Sega, Alessandro Bellini, Emmanuele Panzarini, Francesco Mancin, Alessandra Biondi, Matteo Sauli che hanno dialogato rispettivamente con i luoghi e la società di Santa Maria in Punta e San Basilio, Corbola, l’Isola del Balotin, Oasi di Panarella a Papozze, Porto Viro ed Adria.

 

Edizione 2014 - Geografie ad alto potenziale creativo

 

La nuova tematica comune riguarda le geografie ad alto potenziale creativo, ossia le nuove rotte della cultura, di cui il Delta del Po può diventare espressione tangibile. Altro importante comune denominatore è il riciclo: molti artisti, come Raffaella Rosa Lorenzo, Andrea Magnani, Emmanuele Panzarini, DEM, Gaia Lionello, lavorano direttamente sul territorio recuperando quei materiali ecologici di scarto che l’uomo spesso rifiuta, ma che la terra è in grado di conservare. Tra le novità: il video concorso 3 minuti x 30 articoli, basato sulla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo; la mostra collettiva la Rovra delle Idee, presso il Centro Turistico di San Basilio, dedicata alla quercia ultracentenaria scomparsa nell'estate del 2013. E ancora, la mostra di pittura di Sonikasik al'ex Macello di Porto Viro, corredata dal concerto di Giovanni Lami; il “party a regola d’arte”, sulle note dei Beat Addicted, durante l’inaugurazione della collettiva L’energia della creatività nel Museo Regionale della Bonifica di Ca' Vendramin, con nomi internazionali, quali Roger Weiss e Valentina De’ Mathà.

 

Edizione 2013 - Luoghi Comuni, Storie di Confine

Luoghi comuni, storie di confine è la tematica individuata dagli organizzatori, nonché il punto di partenza dell’indagine, attorno alla quale si confrontano i 10 artisti under 35 selezionati per la prima edizione: Pablo Chiereghin, Disan Danilov, Hannah Gauntlett, Sandra Miranda Pattin, Luca Lumaca, Emmanuele Panzarini, Hitness, Giorgia Severi, Giovanni Lami, Michele Tommasini, affiancati da un maestro di consolidata fama internazionale, quale Alberto Biasi. Un articolato percorso itinerante collega il borgo di Santa Maria in Punta, il Giardino Botanico di Rosolina Mare, il Museo Regionale della Bonifica di Ca' Vendramin, il Museo Archeologico Nazionale di Adria, il sito archeologico di San Basilio, la valle da pesca di Ca’ Pisani. 

I luoghi comuni –allo sguardo e al pensiero collettivo- sono lo strumento di indagine per narrare alcune significative storie di confine. In questa direzione, anche le resistenze geografiche e culturali di taluni territori del Delta possono intendersi quale ideale punto di incontro e confronto per una nuova avventura artistica. Seguendo tale metodologia, nei luoghi prescelti le opere trovano naturale collocazione sulla base del rispetto dell’ambiente, della storia e delle tradizioni sociali e culturali, traendone nuovi stimoli artistici, inediti significati e ulteriori fonti di documentazione per la ricerca sul presente, la tutela e la valorizzazione.

 

Per approfondire: www.deltarte.com

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Privacy Policy