volantino convegno 2005

 

7 maggio 2005 Sala Consiliare Ore 17

Villadose (RO)

 

DONNE E DIRITTI
I DIRITTI UMANI DALLA PARTE DELLA DONNE: VOCI DALL'UNIVERSO FEMMINILE


“La violenza sulle donne è una delle forme di violazione dei diritti umani più diffusa e occulta nel mondo”

Irene Khan
[Segretaria Generale di Amnesty International]

 

La violenza sulle donne è parte di una cultura globale che nega alla donne pari opportunità e pari diritti e legittima la violenta appropriazione del loro corpo per gratificazione individuale o scopi politici.Milioni di donne nel mondo sono terrorizzate da violenze domestiche, schiavizzate in matrimoni forzati, comprate e vendute per alimentare il mercato della prostituzione, violentate come trofei di guerra o torturate in stato di detenzione.

 

Un’occasione per saperne di più, per approfondire, per mobilitarsi.

 

 

PROGRAMMA

 

Introduzione e saluto delle autorità :

Mirella Zambello
Sindaco di Villadose

Michele Lionello
Assessore Comune di Villadose alla Pace e Diritti Umani

Tiziana Virgilli
Assessore Provincia di Rovigo alla Pace e Diritti Umani

Gianni Brazzo
Presidente dell’Associazione Voci per la Libertà

 

Coordina:

Manuela Toscano del Gruppo Italia 215 di Rovigo di Amnesty International

 

Interventi:

Cecilia Nava
Vice-Presidente  di Amnesty International: la campagna "Mai più violenza sulle donne".

Ingrid Tamborin
"La prostituzione in Bangladesh. La ricerca e l’esperienza di una volontaria".

Gruppo “Amiche per la Pelle
un’esperienza del territorio.

 

Il convegno è organizzato da:

Associazione Culturale VOCI PER LA LIBERTÀ, Gruppo Italia 215 di Rovigo di Amnesty International, Comune di Villadose Assessorato alla Pace e Diritti Umani, Provincia di Rovigo Assessorato alla Pace e Diritti Umani

Da qualche anno Voci per la Libertà è anche una fanzine, “quella che avete tra le mani”.

 

fanzine 04 max

Questa Fanzine è una sorta di aggiornamento quadrimestrale sugli sviluppi di tutto ciò che ruota attorno a Voci per la Libertà, alla musica, alla cultura e ai diritti umani; punto di ritrovo per i gruppi che al concorso sono passati, per i soci dell’associazione, curiosi, istituzioni, passanti e per chi altri vorrà imbattersi in queste pagine.

 

Perchè Voci per la Libertà va ben oltre la cinque giorni estiva di musica che si tiene in quel di Villadose: è una macchina organizzativa che presenta cd e porta i giro i gruppi vincitori, è un’Associazione che raccoglie – nei suoi organi – Centro Ricreativo Giovanile, Comune di Villadose e la locale Sezione di Amnesty International, è riunioni e discussioni, preparazione del bando di concorso e preselezioni, presentazioni in giro per la penisola, interventi in emittenti radio, pratiche burocratiche e sbattimenti, per arrivare, finalmente, a quei giorni di luglio che, ogni anno, volano via veloci e lasciano sempre nuovi sapori, emozioni, amicizie, amori… Pronti a ripartire per una nuova edizione.

 

Voci per la Libertà è anche, lasciatecelo dire, una passione che sboccia sotto i nostri occhi, un fiore nel nebbioso panorama polesano, capace di diffondere il suo profumo in tutta Italia.
Perché non creare, allora, un vero e proprio periodico che di VxL possa essere contenitore ma anche, volesse iddio, amplificatore!?

 

Tante sono state le soddisfazioni che in questi sette anni abbiamo avuto, tante anche difficoltà che abbiamo dovuto affrontare ma mai ci siamo esaltati o abbattuti, abbiamo sempre cercato di proseguire il nostro percorso cercando di migliorare il nostro piccolo gioiellino.

 

VxL  vuole quindi essere una nuova sfida che lanciamo soprattutto a noi stessi, vuole essere uno SPAZIO in cui ci si ritrova, ci si confronta, si dialoga, si dice la propria, ci si apre soprattutto all’esterno, si da continuità all’enorme impegno che ogni anno tantissimi volontari profondono per far sì che Voci per la Libertà sia quello che oggi è!
Allora via a pensarci, ad interrogarci su costi, opportunità e fattibilità.

 

La risposta, va da sé, è stata positiva: vale certo la pena non mollare mai la presa, aggiungendo un altro piccolo spazio per dare libertà alle nostre voci…

 

Clicca qui per andare a tutte le fanzine di VxL

È stata posticipata la data del termine di scadenza del concorso "Voci per la Libertà - Una canzone per Amnesty". C'è tempo fino al 21 maggio per spedire il materiale e partecipare al concorso aperto a tutti quei cantanti e gruppi musicali emergenti che hanno realizzato una canzone, con testi e musica di propria produzione, in grado di comunicare l'importanza dei principi contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (D.U.D.U.). L'intento del concorso è infatti quello di diffondere i principi della D.U.D.U. attraverso la musica, riconosciuta come importante mezzo di comunicazione dei valori di rispetto e tolleranza tra gli uomini.

 

QUEST'ANNO C'È UNA NOVITÀ NEL REGOLAMENTO

 

logo_demo_new2

È nata un'importante partnership tra Voci per la Libertà e Demo Rai. Fra tutti gli artisti/gruppi che si iscriveranno al Concorso di Voci per la Libertà indicando come fonte "Demo Rai", la redazione di Demo Rai selezionerà due artisti/gruppi che suoneranno sul palco del festival "Voci per la Libertà - Una canzone per Amnesty", giunto quest'anno all'ottava edizione, in programmazione a Villadose (RO) dal 21 al 25 Luglio 2005.

 

Saranno dodici in tutto gli artisti/gruppi che suoneranno per "Voci per la Libertà - Una canzone per Amnesty" nelle serate di venerdì 22 e sabato 23 luglio 2005. Al termine della serata di sabato una giuria di addetti ai lavori selezionerà - fra i cantanti/gruppi che hanno suonato - 6 cantanti/gruppi che si esibiranno nella serata finale di domenica 24 luglio durante la quale verrà assegnato il Premio "Una canzone per Amnesty" al brano che meglio rappresenta le tematiche in difesa dei diritti umani.

 

I sei finalisti parteciperanno al cd compilation "Voci per la Libertà 2005" che verrà distribuito in tutta Italia. L'artista/gruppo che vincerà il premio "Una canzone per Amnesty" sarà per un anno testimonial del cd compilation e come tale verrà promosso dall'ufficio stampa del concorso. Inoltre verrà realizzato il videoclip della canzone vincitrice.

 

Ma non è finita qui:quest'anno gli organizzatori del concorso hanno indetto la rassegna "Arte per la Libertà",che sarà divisa in tre sezioni: Fumetti per la Libertà, Scatti per la Libertà e Corti per la Libertà. Questa iniziativa nasce per far sì che il messaggio della D.U.D.U. possa essere trasmesso anche da forme d'arte visive oltre che musicali. Durante le rassegne, le opere degli artisti che si distingueranno meglio nelle proprie sezioni verranno segnalate e diffuse dall'Associazione Culturale "Voci per la Libertà" e dalla Sezione Italiana di Amnesty International.

 

Logo scheda_1

ARTE_1

Un'altra buona notizia per i uno dei guppi finalisti di Voci per la Libertà della scorsa edizione!

Con il brano "Fiorile" (presente anche nella compilation "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty 2004") i Fabularasa sono tra i sedici finalisti (circa 1.200 i brani in gara all'inizio delle selezioni) del prestigioso Premio Musicultura (già Premio Recanati) per la canzone d'Autore.

"Fiorile" verrà ora inserito nella compilation ufficiale del premio.
Tra qualche giorno ci sarà il via per le selezioie per designare gli otto vincitori.

fabularasa1I Fabularasa sono:

 

Luca Basso
Vito Ottolino
Poldo Sebastiani
Giuseppe Berlen


La dedizione al jazz, la curiosità per le musiche etniche del mondo, gli studi in conservatorio e la passione per la canzone d'autore sono le tessere che compongono il composito mosaico Fabularasa.

 

Quattro musicisti, ognuno con un suo percorso e un suo gusto, per la prima volta al lavoro insieme intorno all'oggetto canzone, alla ricerca di una calligrafia originale, corsiva, il più possibile personale.
Il risultato è una musica leggera, meridiana: parole quotidiane e appassionate vestite di armonie luminose e serene.
Dal vivo il quartetto, che raccoglie le esperienze di alcune formazioni storiche della scena musicale pugliese (KABALA, TRIO AFFINITY, X-DAR e FUNAMBOLICI VARGAS), propone un concerto accattivante e coinvolgente, dal sound raffinato, ma di facile intesa.
Un repertorio in gran parte composto da brani originali nel quale trovano posto, tra coriandoli di ironia e venature malinconiche, anche citazioni da Enzo Jannacci, Luigi Tenco, Caetano Veloso, Giorgio Gaber e Pier Paolo Pasolini.

 

Per tutte le info: 347 8423793

testata1maggio

 

Appello a tutti gli associati audiocoop, ai simpatizzanti, alle band ed agli artisti in genere.


Voci per la Libertà assieme ad Audiocoop e al Meeting delle Etichette Indipendenti, vi invitano ad aderire al primo "Censimento della musica italiana", attraverso la scheda presente sul sito www.primomaggio.com ed a partecipare alla Rassegna.

Come associazione stiamo infatti realizzando, insieme agli organizzatori del Concerto del 1 Maggio, la prima Rassegna nazionale che porterà uno o più artisti ad esibirsi nel grande concerto di piazza S. Giovanni a Roma a cui è collegato il censimento.

Lo scopo del Censimento è quello di creare una grande banca dati che dia l’esatta misura del fenomeno “musica/giovani” in Italia e contemporaneamente possa diventare uno strumento unico di incontro e confronto tra gli artisti stessi, facilitando i contatti, gli scambi e le collaborazioni.

Questo è il motivo per cui vi invitiamo tutti ad aderire e contribuire a questa grande iniziativa.

Inviate tutti i vostri dati a:

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e al sito www.primomaggio.com con tutte le indicazioni relative all'artista e alla indies e ad altri eventuali operatori del settore. La Causale deve essere:

 

Censimento AudioCoop Artisti, Produzioni e Altri Operatori del Settore


Per una raccolta di dati che potranno risultare di grande interesse per ognuno relativamente alla raccolta di diritti connessi, invitiamo anche tutte le produzioni discografiche indipendenti e autoprodotte e tutti gli artisti a far pervenire ad AudioCoop tutte le produzioni realizzate fino ad oggi fin dagli esordi indicando tutti gli elementi utili per censire ogni produzione discografica (in sostanza, la label copy che viene realizzata per la Siae) per verificare l'opportunità di percezione di diritti connessi.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Privacy Policy