In 50 anni di attività potremmo raccontarti migliaia di storie. Storie di libertà, giustizia, uguaglianza. Storie di donne, uomini e bambini che abbiamo potuto difendere grazie al supporto di oltre sette milioni di sostenitori in tutto il mondo.

Da 50 anni, combattiamo in Italia e nel mondo per difendere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Destina il tuo 5x1000 ad Amnesty International, fai una dichiarazione che sia universale.

C’è chi scrive sui social di non sopportare le ingiustizie, i soprusi e tutte le atrocità che accadono nel mondo. Chi dice di stare dalla parte delle vittime. E poi c’è Amnesty International e tutti quelli a cui dirlo non basta. E che scelgono di fare qualcosa di concreto per difendere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani le vittime di violazioni in Italia e nel mondo.
E tu? Sei con noi?

Dona il tuo 5×1000 ad Amnesty International.
Fai una dichiarazione che sia universale.


IL TUO 5×1000 IN DIFESA DEI DIRITTI DEI BAMBINI
650 milioni di donne nel mondo (attualmente in vita) si sono sposate da bambine, prima dei 18 anni*. Il matrimonio precoce e forzato è una violazione dei diritti umani perché pregiudica il corretto sviluppo della bambina, le impedisce di andare a scuola, può portare a gravidanze precoci e violenza domestica, con gravi rischi per la bambina.
Lavoriamo in molti paesi per introdurre leggi che vietino i matrimoni infantili e per cambiare la cultura che li incoraggia. Nel 2018 il Pakistan ha vietato i matrimoni infantili con un’apposita legge.
*Dati Unicef 2018

IL TUO 5×1000 IN DIFESA DEI DIRITTI DELLE DONNE
Nel 2017, su 355 omicidi commessi, 140 hanno visto vittime le donne. A percepire questo fenomeno in crescita sono di più le donne (7 su 10) degli uomini (5 su 10). Combattiamo in molti paesi per introdurre leggi paritarie, per esempio contro l’uso del velo obbligatorio, o che tutelino il diritto delle donne a decidere del proprio corpo, o semplicemente che consentano loro di avere gli stessi diritti degli uomini su questioni come lavorare, guidare, sposarsi, partecipare alla vita pubblica.

IL TUO 5×1000 IN DIFESA DEI DIRITTI DELLE PERSONE LGBTI
Sono 70 i paesi nel mondo in cui si può finire in carcere per il fatto di essere omosessuali, in 9 di questi si rischia addirittura la pena di morte. Le persone omosessuali sono soggette a discriminazioni di ogni intensità e livello.
In Italia ci siamo battuti in questi anni per l’approvazione di un testo di legge che riconosca le unioni civili. Una battaglia vinta, ma su cui c’è ancora molto da fare: per 1 italiano su 5 le coppie omosessuali sono ancora vittime di omofobia.
Donando il tuo 5×1000 ad Amnesty International ci impegniamo a proseguire in questa battaglia di civiltà.

COME DONARE IL TUO 5×1000 AD AMNESTY INTERNATIONAL
Con la tua Dichiarazione dei redditi (730, CUD, Unico) puoi fare molto per i diritti umani. Non si tratta di una tassa aggiuntiva, né di un sostituto dell’8×1000, ma di un modo per scegliere a chi destinare parte delle proprie tasse, che andrebbero comunque allo stato.
Bastano la tua firma e il nostro codice fiscale: 03 03 11 10 582.

PERCHÉ IL TUO 5×1000 È IMPORTANTE: LA NOSTRA INDIPENDENZA
Per conservare la nostra indipendenza non accettiamo fondi dai governi e la nostra attività è possibile solo grazie al supporto economico dei nostri soci e sostenitori. Per questo è importante sceglierci nella tua dichiarazione dei redditi.

COME DONARE IL TUO 5×1000 AD AMNESTY INTERNATIONAL
Nel modulo della Dichiarazione dei redditi (730, CUD, Unico) trovi un riquadro per il 5 per mille:
- Firma nel primo riquadro a sinistra “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale ecc”.
- Riporta sotto la tua firma il nostro codice fiscale: 03 03 11 10 582.

fai una donazione universale

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Privacy Policy