La_scelta_200x106Per chiudere le celebrazioni del 50° Anniversario di Amnesty International un grande spettacolo teatrale di impegno civile. Ritorna a Villadose (nel 2006 lo ospitammo con lo spettacolo "Le donne di Pola") Marco Cortesi con lo rappresentazione LA SCELTA.

 

Sono passati ormai una decina di mesi da quei cinque incantevoli giorni nei quali s'è svolta la XIV edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, festival che anima il Polesine attraverso il coinvolgente connubio musica - diritti in grado di far divertire e riflettere, lasciando che siano bellezza ed emozione a lavorare perché le violazioni dei diritti umani cessino una volta per tutte.

 

screenshot_compilation_2012

 

Video promozionale Compilation Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty

 

Ecco finalmente in nostro disco, fotografia sonora di quanto è accaduto sul palco di Villadose (Ro) dal 21 al 25 luglio 2011 con i contributi artistici dei principali protagonisti dell'evento. Dal rock al folk passando per il cantautorato e il raggae, nessun cd ha una track list così nutrita e varia, eccellendo nella qualità di autori e interpreti e nella bravura di comunicare quanto sia fondamentale il rispetto della Dichiarazione universale dei diritti umani, portando ad esempio storie comuni su note affilate. Ci sono Areamag, Premio Amnesty Italia Emergenti con il brano "Tana libera tutte", sulla tragedia dello sfruttamento vissuta dalle prostitute minorenni dell'Europa dell'Est, Puntinespansione, Premio della Critica con "Se il petrolio fosse olio", sulle guerre provocate dallo sfruttamento delle risorse naturali, Heza, Premio Giuria Popolare, con "I disegni di mina", sulla tragedia dell'infanzia devastata dalla guerra, Emanuele Bocci e Repsel (finalisti del concorso per emergenti), ma anche Simone Cristicchi, vincitore del Premio Amnesty Italia 2011 con "Genova Brucia", e gli illustri ospiti Africa Unite, Yo Yo Mundi, Mojomatics, Gianmaria Testa e Roy Paci con Grazia Negro, che si sono spesi nelle serate speciali organizzate in occasione del 50° anniversario di Amnesty International.

 

screenshot_areamag

Ad anticipare l'uscita del cd Voci per la Libertà XIV edizione un mese fa la pubblicazione del videoclip
"TANA LIBERA TUTTE" del cantautore romano Areamag, vincitore del Premio Amnesty Emergenti 2011

 


L'intera compilation, prodotta dall'Associazione Voci per la Libertà e Amnesty
su CinicoDisincanto, è disponibile a prezzo speciale sul sito dell'etichetta e su ITunes.

cinico_disincanto_logo_170x170

                   

i_tunes_logo_170x170


 

copertina_VxL_cd_2011  Track list Voci per la Libertà XIV edizione:

01. Simone Cristicchi – Genova brucia

02. Areamag – Tana libera tutte

03. Areamag – La discarica

04. Africa Unite – Così sia

05. Puntinespansione – Se il petrolio fosse olio

06. Puntinespansione – La mia rivoluzione

07. Yo Yo Mundi – Tè Chi T'èi?

08. Heza – I disegni di mina

09. Heza – La realtà

10. The Mojomatics – Wait a While

11. Emanuele Bocci – Senza vedere

12. Emanuele Bocci – Il musicista

13. Gianmaria Testa – Sottosopra

14. Repsel – War machine

15. Repsel – No hope

16. Roy Paci & Grazia Negro– No quiero nada

 

Bonus track:

Roberto Citran recita Alessandro Baricco dal libro di Amnesty International: "IO MANIFESTO PER LA LIBERTÀ" (Ed. Fandango)

 

 

Ascolta i primi 60" delle canzoni della Compilation

 
                        

mna_2012_106x200Voci per la Libertà supporta La Musica nelle Aie, 11 - 12 – 13 maggio a Castel Raniero - Faenza (RA).

 

Mannoia_Frankie_250x167

"Non è un film", la canzone di Fiorella Mannoia scritta da Frankie HI-NRG e con lui interpretata, ha vinto la decima edizione del Premio Amnesty Italia, indetto nel 2003 dalla Sezione Italiana di Amnesty International e dall'Associazione culturale Voci per la Libertà per premiare il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell'anno precedente.


 

Fiorella Mannoia verrà premiata sul palco di Rosolina Mare (Rovigo) domenica 22 luglio nel corso della serata finale della XV edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, festival che inizierà il 19 luglio.

 

 

"Ho sempre appoggiato le cause promosse da Amnesty International e ricevere questo premio mi onora" - ha dichiarato Fiorella Mannoia. "Quando ho contattato Frankie per questo mio ultimo progetto intitolato 'Sud' gli ho fatto una richiesta ben precisa, volevo toccasse il tema dell'immigrazione, ne parlammo e ci siamo scambiati le nostre idee. Concordavamo sul fatto che stiamo vivendo un momento storico molto delicato, in cui una parte del Paese, non tutto per fortuna, si lascia influenzare dal terrorismo delle parole (non meno pericoloso del terrorismo delle armi), di una parte della politica che per meri fini di propaganda elettorale usa gli immigrati, non avendo altri argomenti, per diffondere l'antico germe dell'odio razziale, mettendo in pratica l'antica tattica del 'divide et impera', dimenticando (o meglio, facendo finta di dimenticare) che tutto il benessere dell'occidente poggia sulle spalle di interi paesi del Sud del mondo, Africa in testa, saccheggiati da una politica predatoria della quale tutti i governi sono responsabili"

 

Mannoia_400x225

"L'Europa, gli Stati Uniti e ora anche la Cina" - ha proseguito Fiorella Mannoia - "si spartiscono, oggi come ieri, le risorse di interi popoli, derubandoli indisturbati di tutte le materie prime, cibo compreso. Tutti intenti a 'divorare a sazietà ma pronti lamentarsi della puzza della varia umanità che ci occorre, ci soccorre e ci sostenta'. Ma di questi argomenti naturalmente la politica non parla. Sapevo che Frankie sarebbe andato al cuore del problema in maniera diretta, come lui sa fare, e non mi sbagliavo, ha scritto quello che io stessa avrei voluto dire e lo ha fatto molto meglio di quanto avrei saputo fare io stessa. Grazie Amnesty...di cuore."

 

"Scegli da che parte stare: questo appello a chi ascolta il brano 'Non è un film' riassume in parole semplici e incisive tutte le campagne di Amnesty International"- ha affermato Christine Weise, presidente di Amnesty International Italia. "Una grande artista, Fiorella Mannoia, ha scelto di stare dalla parte di chi vede violati i suoi diritti umani, con una canzone scritta in modo essenziale ed efficace da Frankie HI-NRG che va direttamente al cuore di una società nella quale tutte le informazioni sono disponibili e tutto il mondo è interconnesso, ma la grande maggioranza delle persone non si sente coinvolta in quello che è responsabilità di tutti".

 

Christine_Weise

"Questo brano racconta la fuga di chi spera di salvarsi da persecuzione e sofferenza attraversando il Mediterraneo a bordo di un'imbarcazione precaria" - ha aggiunto Christine Weise. "È la vita vera di giovani cittadini africani che cercano umanità e protezione e trovano spesso razzismo e propaganda. I 1500 morti del 2011, annegati in mare sulla via verso l'Europa, non sono un film, sono veri anche loro. E sono vere le migliaia di vittime della tratta sulle strade italiane, costrette alla prostituzione e accolte come 'carne fresca' da clienti che chiudono gli occhi davanti alla propria complicità nel mercato delle schiave. Con grande gioia Amnesty International conferisce il Premio Amnesty Italia 2012 a Fiorella Mannoia, che ringraziamo di aver scelto di stare dalla parte dei diritti umani e di comunicare questa scelta tramite la sua arte".

 

Gli altri brani in concorso erano "Sono cool questi Rom" di Assalti frontali, "Un paese cortigiano" di Bandabardò, "L'impiccata" di Cesare Basile, "Non siete Stato voi" di Caparezza, "Brigantessa" di Teresa De Sio, "La donna di plastica" di Simona Molinari, "Fuori controllo" dei Negrita, "Crudo" di Susanna Parigi e "Io danzo" di Jovanotti.

 

Nelle scorse edizioni il premio era stato assegnato a "Il mio nemico" di Daniele Silvestri, "Pane e coraggio" di Ivano Fossati, "Ebano" dei Modena City Ramblers, "Rwanda" di Paola Turci, "Occhiali rotti" di Samuele Bersani, "Canenero" dei Subsonica, "Lettere di soldati" di Vinicio Capossela, "Mio zio" di Carmen Consoli e "Genova brucia" di Simone Cristicchi.

 

La canzone vincitrice è stata scelta da una giuria specializzata comprendente:

Giò Alajmo (Il Gazzettino), Roberta Balzotti (Rai), Luca Barbieri (Corriere del Veneto), Alessandro Besselva Averame (Il Mucchio), Francesca Cheyenne (RTL 102.5), Ugo Coccia (Rai International), Gianmaurizio Foderaro (Radio 1), Giorgio Galleano (Rai 3), Federico Guglielmi (Il Mucchio, Audioreview), Michele Lionello (Voci per la Libertà), Enrico Maria Magli (Radio 1, Deejay TV), Carlo Mandelli (Ansa, QN Quotidiano Nazionale, Il Giorno), Riccardo Noury (Amnesty International), Andrea Riscassi (Tgr, Annaviva), Giordano Sangiorgi (Meeting degli Indipendenti), Renzo Stefanel (Rockit), Christine Weise (Amnesty International) e Savino Zaba (Rai 1, Radio 2).

 

 

Mannoia_Cover_SUD_350

 

FIORELLA MANNOIA - FRANKIE HI-NRG

"Non è un film" dall'album Sud

 

Non è un film quello che scorre in torno che vediamo ogni ogni giorno che giriamo distogliendo lo sguardo. Non è un film e non sono comparse le persone disperse sospese e diverse tra noi e lo sfondo, e il resto del mondo che attraversa il confine ma il confine è rotondo si sposta man mano che muoviamo lo sguardo ci sembra lontano perchè siamo in ritardo, perenne, costante, ne basta un istante, a un passo dal centro è gia troppo distante, a un passo dal mare è gia troppo (battaglia?), ad un passo da qui era tutta campagna. Oggi tutto è diverso una vita mai vista questo qui non è un film e non sei protagonista, puoi chiamare lo stop ma non sei il regista ti puoi credere al top ma sei in fondo alla lista

 

questo non è un film e le nostre belle case non corrono il pericolo di essere invase, non è un armata aliena (mandata?) sulla terra, non sono extraterrestri che ci dichiaran guerra, son solamente uomini che varcano i confini, uomini con donne vecchi con bambini, poveri con poveri che scappan dalla fame gli uni sopra gli altri per intere settimane come in carri bestiame in un viaggio nel deserto rincorrono una via in balia dell'incerto per rimanere liberi costretti a farsi schiavi stipati nelle stive di astronavi come i nostri avi contro i mostri e i draghi in un viaggio nell'inferno che prenoti e paghi sopravvivi o neghi questo il confine perchè non è un film non c'è lieto fine

 

scegli da che parte stare, dalla parte di chi spinge, scegli da che parte stare, dalla parte del mare

 

questo sembra un film di quelli terrificanti

dalla Transilvania non arrivano vampiri ma badanti,

da Santo Domingo non profughi o zombie,

ma ragazze condannate a qualcuno che le trombi

dalle Filippine... pure dal Bangladesh

dalla Bielorussia solo carne da lap dance

scappano per soddisfare vizi e sfizi nostri

loro son le prede noi siamo i mostri

loro la pietanza noi i commensali

e se loro son gli avanzi noi siam peggio dei maiali

pronti a divorare a sazietà

pronti a lamentarci per la puzza per la... umanità

che ci occorre, ci soccorre, ci sostenta

questo non è un film ma vedrai che lo diventa

tu stai attento e tienti pronto che al momento di girare i buoni vincon sempre, scegli da che parte stare.

 

scegli da che parte stare, dalla parte di chi spinge, scegli da che parte stare, dalla parte del mare

scegli da che parte stare, dalla parte di chi spinge, scegli da che parte stare, dalla parte del mare

scegli da che parte stare, dalla parte di chi spinge, scegli da che parte stare, dalla parte del mare.

neverlab_200x106Due giorni prima del Primo Maggio, per festeggiarlo in anticipo, per festeggiarlo di più. Quando c'è la crisi, è meglio fargli la festa. 
12 ore di musica dal vivo su due palchi con il meglio della scena indipendente italiana.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Privacy Policy