BREVE BIO DEI TUKURÙ
È un progetto musicale nato nel 2016. Williams Sassene, già voce nei Negrissim', con all'attivo vari dischi e tourneè in Africa e in Europa, nato a Parigi, cresciuto a Yaounde' (Camerun), è autore dei testi e cantante del gruppo. Il suo “hip-hop della foresta” si adagia sui riff di chitarra di Giovanni Ceresoli, che suona anche cavaquinho e percussioni. Con l'ausilio di una loop-station nascono suoni che vanno dal desert-blues all'afrobeat, al funky su cui entrano il violoncello di Nika D’Auria e le tastiere di Domenico Monaco, coppia consolidata in vari progetti di musica elettronica.


Vi va di raccontarci come è stata l'esperienza al festival Voci per la Libertà?

Suonare al festival Voci per la Libertà è stata una grande opportunità di conoscere una realtà straordinaria. Abbiamo conosciuto molta gente veramente valida, sia tra gli artisti che tra gli organizzatori e siamo stati davvero bene.


Avete deciso di partecipare ad un festival come il nostro che parla di diritti umani? Quali erano le vostre aspettative?
Ci aspettavamo di incontrare artisti impegnati e operatori sensibili alle tematiche dei diritti umani e così è stato.


Pensate che la musica possa davvero essere un efficace strumento per sensibilizzare sui diritti umani? Di cosa parla il vostro brano presentato in concorso Musango?
Pensiamo che qualsiasi musicista conosca il potere e la forza sensibilizzante della musica. Il nostro brano Musango è una specie di preghiera universale per la pace tra tutti gli esseri viventi. Diciamo che abbraccia la terra e il cielo e tutto ciò che essi contengono spronando alla convivenza pacifica.

tukuru 750 2


Da dove provengono le vostre influenze musicali? Ultimamente la scena musicale pugliese è molto viva, ce lo confermate anche voi? Più a livello organizzativo o artistico?
Le nostre influenze musicali sono molto variegate. Proveniamo da percorsi artistici molto differenti. Il punto di inizio, o di approdo è sicuramente l’afrobeat, ma anche il Desert blues o l’high Life, la rumba congolese e insomma l’africa. Ma c’è dell’altro, c’è l’hip-hop, la musica elettronica, la psichedelia, il flamenco, il rock, il funky…..insomma difficile descrivere tutte le nostre influenze, sicuramente ne ho tralasciate molte. La puglia è piena zeppa di artisti straordinari. Purtroppo la musica live fatica a trovare contenitori adatti per esprimersi. Spesso gli artisti sono costretti ad esibirsi in spazi non proprio valorizzanti e in condizioni difficili. Questo fa si che vivere di musica diventa quasi impossibile e sono pochi coloro che riescono a dedicarsi in maniera totale a quest’arte.


Da dove nasce la multiculturalità del gruppo? Cosa significa il vostro nome Tukurù?
La multiculturalità del nostro gruppo nasce dal fatto che siamo tutti provenienti da luoghi diversi. Il più esotico è sicuramente Williams, che viene dal Camerun, Nica e Domenico sono della provincia di Taranto, mentre io sono della provincia di Bergamo. Tutti però viviamo a Bari, è lì che ci siamo conosciuti e abbiamo iniziato a collaborare assieme.


Quali sono i vostri progetti artistici per il prossimo futuro?
Stiamo lavorando al nostro primo disco, e questa è sicuramente la cosa più importante che stiamo facendo. A ottobre suoneremo a Time Zone, un importante festival di musica elettronica che si terrà a Bari.

 

MUSANGO
(Dal futuro album dei Tukurù)


Ceci est pour toi , moi , lui ,elle
La vraie vie, les oiseaux , la Terre, le Ciel
Le verbe qui s’incarne la Lumière a la lucarne
La nuit qui attends sont tour et ricane
C’est pour le feu, les flammes , les hommes les femmes
L’Esprit, l’Ame, le pardon, le blame
mais aussi pour nous- meme , faut bien qu’on se soigne
quand la vie nous entraine par la poigne
C’est pour nos pères, nos mères , nos peurs, nos moeurs
notre air, nos fleurs, pour que tu sois heureuse
En heures pleines en heures creuses ,
que la Lune nous éclaire de sa poésie rieuse .
C’est pour les textes jamais dits et les phrases jamais écrites
Les pensées enfouies et le vide qui nous habite
Pour toi, moi ,lui ,elle
La vrai Vie, les oiseaux, la Terre, le Ciel!!!!


(Traduzione)
Questo è per te , me lui lei
La vera vita, gli uccelli, la terra e il cielo
Il verbo che si incarna, la Luce alla finestra
La notte che aspetta il suo turno e sogghigna
E’ per il fuoco le fiamme gli uomini e le donne
Lo Spirito l’Anima, il perdono e la colpa
Ma anche per noi stessi, abbiamo bisogno di guarire
Quando la vita ci tiene in pugno
E’ per i nostri padri, le nostre madri, le nostre paure e le nostre usanze
La nostra aria i nostril fiori e perchè tu sia felice
Nelle ore di punta, e con il coprifuoco
Che la luna ci illumini con la sua allegra poesia
E’ per i testi mai detti e le frasi mai scritte
Per i pensieri sepolti e per il vuoto che ci abita
E’ per te ,me lui, lei
La vera Vita, gli Uccelli, la Terra e il Cielo!!!

 

PER APPROFONDIRE
Pagina Facebook: www.facebook.com/tukuruafromed

Related Post

Proseguendo nella navigazione di questo sito ne approvi l'utilizzo e il salvataggio locale di alcuni cookie di sitema e terze parti; tieni conto del fatto che non vi verranno immagazzinate da parte di vociperlaliberta.it informazioni personali a fini pubblicitari, ma solamente dati anonimi per migliorare la tua esperienza utente e l'usabilità del sito stesso.